LE BASI: IL SOFFRITTO!

Il soffritto è una delle basi della cucina del mondo. Solitamente è a base di cipolla ma può essere anche di scalogno, di porri, soffritti da soli o mescolati con carote e sedano (il mio preferito). Il soffritto è un vero aiuta-cuochi dato che dà sapore a un alimento che ne avrebbe poco di per sé, o infonde struttura a un piatto più complesso.

Badate bene che si chiama soffritto, non fritto. Dunque, state alla larga dalle ricette che vi dicono di prepararlo rosolando la cipolla (o lo scalogno, o il trito di sedano, carota e cipolla). Il rosolare implica una fiamma vivace sotto alla pentola o alla padella, il risultato finale è un’altra cosa. Soffriggere deriva da subfrigere, letteralmente friggere sotto, cioè cuocere a una temperatura inferiore a quella della frittura. Allora vuol dire che, qualunque sia il soffritto che desiderate, preparatelo a fuoco dolcissimo (a fiamma bassa) e chiudete la pentola (o la casseruola o la padella) con il coperchio.

Ci devono volere circa 20 minuti. La cipolla è pronta quando diventa trasparente. Se ci sono altre verdure, spegnete quando diventano tenere (ma non sfatte!).

Altra questione fondamentale sono i grassi. Non dovendo cuocere a temperatura elevata, e avendo ormai tutti in casa delle padelle teflonate, basta aggiungere poca acqua. Nessun grasso è necessario. Se proprio volete aggiungerlo, mescolatelo sempre all’acqua. Ad esempio 1 noce di burro/1 cucchiaio d’olio con 20 g d’acqua, ogni 100 g di verdura. Io che sono golosa lo faccio. Ma non solo perché mi piacciono i grassi, lo faccio quando preparo molto soffritto e poi voglio conservarlo in frigorifero.

Per non dire mai: <<Urka… non ho sedanocarotacipolla! So’ fritto!>>. Preparatene tanto, magari in un giorno di pioggia quando non sapete cosa fare, lasciatelo a pezzettini (come piace a me) o frullatelo o passatelo al setaccio, e conservatelo in frigorifero o in freezer.

IL MIO SOFFRITTO SPEZIATO

Ingredienti per circa 500 g di soffritto:

2 carote

2 gambi di sedano

1 cipolla

2 spicchi d’aglio

melange di spezie (curcuma, paprika dolce o piccante, pimento, chiodi di garofano, cannella)

(burro)

1 vasetto di vetro a chiusura ermetica, pulito

Mondate e tagliate a cubetti sedano e carota e a lamelle la cipolla e l’aglio. Versate 2 cucchiaiate d’acqua in una casseruola. Unite 50 g di burro, le verdure, 1 cucchiaino di spezie e stufate a fuoco dolcissimo per circa 20 minuti. Aggiungete altra acqua qualora asciugasse troppo.

Trasferite il soffritto nel vaso, chiudete e fate raffreddare a temperatura ambiente.

Conservate in frigorifero. Durerà circa 10 giorni.

IMG_2729 IMG_2730 IMG_2731 IMG_2732 IMG_2739

Bravi i micini che han seguito il “pippone” sul soffritto. Oggi doppia razione di crocchi… 😀IMG_2796

2 pensieri su “LE BASI: IL SOFFRITTO!

  1. Pingback: Il baccalà per cui Maria Antonietta perse la testa | IL PERSIL

  2. Pingback: Braciole di maiale al soffritto | IL PERSIL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...